Art. 1, Definizioni

  1. Il presente regolamento disciplina il funzionamento dei Corsi pre-accademici (2019) per gli studenti del Conservatorio di Como immatricolati precedentemente all’a.s. 2019-2020.
  2. Ai sensi del presente regolamento si intende:
    1. per “Corso pre-accademico”: la formazione musicale che precede i Corsi propedeutici del Conservatorio di Como per gli studenti immatricolati precedentemente all’a.s. 2019-2020 frequentanti il Primo o il Secondo periodo dei precedenti Corsi pre-accademici;
    2. per “Periodo di studio”: i due periodi nei quali si articolano i corsi pre-accademici;
    3. per “Disciplina”: il singolo ambito di competenza che contribuisce a comporre l’insieme dell’offerta didattica dei corsi pre-accademici;
    4. per “Livello di competenza”: la preparazione raggiunta dallo studente nelle singole discipline in seguito al conseguimento delle Certificazioni di fine corso;
    5. per “Idoneità”: il giudizio positivo di merito, attestato dal docente dei corsi e dei laboratori che lo prevedono;
    6. per “Scrutinio con voto”: la votazione espressa in decimi dai docenti delle Discipline di base o della Disciplina principale al termine degli anni scolastici intermedi (2o Primo periodo e 1o Secondo periodo), ai fini del passaggio all’anno di corso successivo;
    7. per “Certificazione di fine corso” (Cfc): il documento rilasciato dal Conservatorio quale attestazione dell’esame sostenuto al completamento di ciascuna disciplina curricolare, compresa la Disciplina principale;
    8. per “Certificazione di fine periodo” il documento rilasciato dal Conservatorio quale attestazione, per ciascun periodo, del completamento curricolare di tutti gli esami di fine corso.

Art. 2, Finalità

I livelli di competenza conseguiti al termine del secondo periodo si intendono adeguati al superamento degli Esami di ammissione nella medesima Scuola dei Corsi propedeutici. Il superamento della Certificazione di secondo periodo e la conseguente idoneità non garantisce l’ammissione al Corso propedeutico essendo subordinata alla posizione nella graduatoria di merito.

Art. 3, Periodi di studio e aree formative

I Corsi pre-accademici (2019) si articolano in due periodi di studio per le Scuole di strumento

  • primo periodo: della durata di 3 anni
  • secondo periodo: della durata di 2 anni

I Corsi pre-accademici (2019) iniziano direttamente dal secondo periodo – della durata di 2 anni – per i Corsi di Canto, di Composizione e di Direzione di coro.

Le discipline previste afferiscono, per ciascun periodo di studio, a due aree formative:

  1. Discipline di base
  2. Disciplina principale
  1. Le discipline prevedono diverse tipologie di lezione: individuale, di gruppo, collettiva, laboratori.
  2. L’obbligo di frequenza è definito, per ciascuna disciplina, nella misura di due terzi delle ore formative programmate (16 lezioni su 24 annuali), salvo specifiche disposizioni determinate dalle strutture didattiche interessate.

Art. 4, Certificazione di fine corso

  1. Ciascuna disciplina – principale o di base – si conclude con un esame per il conseguimento della Certificazione di fine corso.
  2. È facoltà degli studenti sostenere la Certificazione di fine corso della disciplina principale indipendentemente dal superamento degli esami delle discipline di base.
  3. È consentita l’abbreviazione del corso di studio (periodi e/o anni) per merito, su proposta del docente della Disciplina principale.
  4. È demandato alle strutture didattiche competenti il compito di monitorare – per quanto concerne le discipline di base – la verifica del corretto andamento curricolare.
  5. La Certificazione di fine corso del Secondo periodo nella disciplina principale è corrispondente al relativo esame d’ammissione al Corso propedeutico. A parità di contenuti, lo studente giunto al termine del percorso pre-accademico nella disciplina principale può optare di sostenere direttamente l’ammissione.
  6. Il Conservatorio di Como rilascia Certificazioni di competenza di fine corso recanti: a) la denominazione della disciplina; b) la registrazione della valutazione espressa in decimi con due decimali.
  7. Le Certificazioni di fine corso specificate all’Art. 1, § 2/g si svolgono secondo un calendario annualmente stabilito dal Consiglio accademico di fronte a una Commissione di tre componenti nominata dal Direttore.
  8. Lo scrutinio con voto è assegnato dal docente (delle discipline di base e principale) a conclusione degli anni nei quali non è previsto l’esame.
  9. Lo svolgimento degli esami per il conseguimento delle Certificazioni di fine corso ha luogo nelle sessioni estiva (giugno/luglio) e autunnale.
  10. La frequenza nelle discipline di base, in caso di votazione d’esame o di scrutinio con voto inferiore a 6/10, può essere ripetuta, sia all’interno del Corso pre-accademico sia in caso di passaggio dal Corso pre-accademico al Corso propedeutico.
  11. L’esame di fine corso (Primo o Secondo periodo) nella disciplina principale può svolgersi indifferentemente in sessione estiva o autunnale. Gli esami con votazione inferiore a 6/10 in sessione estiva dovranno essere recuperati in sessione autunnale. Gli esami inerenti alla disciplina principale svolti in sessione autunnale, in caso di votazione inferiore a 6/10, non possono essere recuperati e lo studente sarà dimesso dal Conservatorio (cfr. art. 7).

Art. 5, Certificazione di periodo

La ‘Certificazione di periodo’ – primo, secondo – è rilasciata dall’Istituzione, previa richiesta dell’interessato, ad avvenuto superamento di tutte le ‘Certificazioni di fine corso’ previste dal proprio iter curricolare.

Art. 6, Contributi di frequenza e d’esame

I contributi relativi alla frequenza dei Corsi pre-accademici (per gli studenti giù immatricolati) sono stabiliti annualmente dal Consiglio di Amministrazione.

Art. 7, Promozioni / esami

Anno, periodoPassaggioNote
1.o anno, Primo periodoPromozione al 2.o anno del Primo periodoVerifica nella disciplina principale nella sola sessione estiva - corsi strumentali (1)
Scrutinio con voto nelle discipline di base
2.o anno, Primo periodoPromozione al 3.o anno del Primo periodoScrutinio con voto nella disciplina principale
Scrutinio con voto nelle discipline di base
3.o anno, Primo periodoPromozione al 1.o anno del Secondo periodoEsame finale, discipline di base (2)
Esame finale, disciplina principale
1.o anno, Secondo periodoPromozione al 2.o anno del Secondo periodoScrutinio con voto disciplina principale – corsi strumentali
Verifica nella disciplina principale nella sola sessione estiva – Canto, Composizione, Direzione di coro (1)
Scrutinio con voto nelle discipline di base
2.o anno, Secondo periodoEsami finaliEsame finale, discipline di base (3)
Esame finale, disciplina principale (4)
  1. Lo studente sarà dimesso dal Conservatorio qualora l’esito della Verifica risulti non sufficiente, con possibilità di ripetere l’ammissione al Corso preparatorio.
  2. Eventuale prosecuzione dei corsi nel periodo successivo.
  3. Eventuale prosecuzione nel Corso propedeutico.
  4. Previa domanda, lo studente può avvalersi del voto conseguito ai fini dell’inserimento nella graduatoria degli idonei al Corsi propedeutico.

Disciplina principale – con votazione d’esame o di scrutinio inferiore a 6/10 in sessione estiva, lo studente sarà rinviato ad un esame di recupero in sessione autunnale. Qualora l’esito del recupero risulti nuovamente insufficiente, lo studente sarà dimesso dal Conservatorio con possibilità di ripetere l’ammissione al relativo Corso preparatorio in deroga dalle date di scadenza previste per l’iscrizione.
Discipline di base – con votazione d’esame o di scrutinio inferiore a 6/10 in sessione estiva, lo studente è rinviato ad un esame di recupero in sessione autunnale; un esito ancora insufficiente comporterà la ripetizione del corso l’anno successivo.
È possibile l’iscrizione agli esami nelle sessioni estiva o autunnale per il conseguimento delle Certificazioni di fine corso nella disciplina principale, indipendentemente dal superamento degli esami nelle discipline di base.

Art. 8

Per quanto fin qui non esplicitato, si farà riferimento a quanto approvato dal Consiglio accademico, e disposto con nota direttoriale, prima dell’inizio di ogni anno accademico.