PREMESSA

Gentili Colleghe e Colleghi,

La situazione eccezionale determinata dall’emergenza sanitaria che ancora ci interessa, ha reso necessaria una ridefinizione delle modalità con le quali pensare non solo le lezioni curricolari, ma l’intera attività della scuola; contingenza che potrebbe peraltro rivelarsi un positivo motore alla sperimentazione di nuove pratiche utili anche in futuro, a partire da una collaborazione più stretta e strutturata con Enti ed Istituzioni esterne che ospiteranno parte delle nostre iniziative.

L’osservanza delle misure anti-covid – prima tra tutte quella relativa al distanziamento sociale – e i molti mesi di blocco totale per tutte le pratiche di musica d’insieme, dunque anche per i nostri numerosi ensemble vocali e strumentali, hanno fatto propendere per una ripresa delle nostre attività di Produzione a partire da quanto già in essere, sempre in aderenza alle normative sulla prevenzione.

A tale proposito si è deciso di suddividere in due periodi l’articolazione del Progetto d’istituto con due differenti scadenze di presentazione dei progetti.

I mesi da Novembre 2020 sino all’inizio della sessione invernale degli esami saranno dedicati al recupero di alcuni progetti – sia esecutivi, sia di approfondimento didattico quali Masterclass, Seminari e Laboratori – già approvati nello scorso Anno, cui saranno affiancati concerti realizzati con alcuni tra i migliori Studenti laureati in questi mesi.

A partire dal mese di marzo 2021 la programmazione sarà invece riservata a nuove proposte ed eventuali progetti già approvati lo scorso anno che i Dipartimenti reputano ancora degni di essere ripresi in virtù dell’utilità e interesse didattico-artistico in essi contenuti.

La presentazione delle proposte deve essere articolata all’interno di un verbale firmato dall’intero Dipartimento di appartenenza, ordinando le proposte secondo un ordine gerarchico di preferenza deciso dal Dipartimento stesso

Il suggerimento è rivolto a ideare progetti di ampio respiro che presentino un originale taglio programmatico strettamente connesso con la didattica del Conservatorio. Altri possibili criteri possono essere quelli dell’interdisciplinarità o dell’attenzione all’aspetto divulgativo ed educativo (conferenze/concerto; lezioni aperte; ascolti guidati; concerti interattivi) 

Rimane inteso che i progetti potranno essere accolti soltanto nel rispetto della normativa vigente mirata alla prevenzione sanitaria.

Alcune opportunità di accoglimento delle proposte saranno indirizzate all’interno delle seguenti iniziative (altre verranno concretizzate in virtù dei progetti approvati):

  • rassegna Sabato in Musica, all’interno del Conservatorio;
  • eventi in collaborazione col Teatro Sociale: due date destinate a Camera con Musica (alla domenica mattina), e una alla Stagione Notte
  • All’interno di collaborazioni esterne quali Pinacoteca di Como, Tempio Voltiano e Musei Civici, Comune di San Fermo (Auditorium e spazi all’aperto per la stagione estiva) e altre opportunità al vaglio della Produzione

FASI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE

Restano confermate le linee guida in ordine di preferenza, individuate dal Consiglio Accademico n. 1 del 10 novembre 2014, ovvero che le attività dovranno privilegiare, in ordine:

  1. studenti
  2. studenti e docenti
  3. docenti (preferibilmente alla direzione di ensemble e all’eventuale accompagnamento pianistico)

Il Progetto d’Istituto 2020/21 si articolerà in due fasi con altrettante scadenze per la presentazione dei progetti.

 

PRIMA FASE

La prima scadenza per la presentazione dei progetti è fissata per il 14 ottobre 2020 e riguarderà queste due categorie:

  • Presentazione di progetti già approvati lo scorso anno che i Dipartimenti reputano tutt’ora di interesse e utilità didattico-artistica. Per ragioni correlate al periodo dovuto all’emergenza sanitaria, la Produzione potrà richiedere eventuali ridimensionamenti della durata del progetto.
  • Segnalazione dei migliori studenti laureati nelle ultime 3 sessioni di esami. I programmi esecutivi dei laureati non potranno superare la durata di 30’ al fine di consentire una doppia esecuzione nella stessa giornata; infatti l’attuale ridotta capienza di Auditorium e Salone Organo per ragioni di distanziamento sociale ha portato a ipotizzare un doppio turno di esecuzione.
  • Ipotesi di proposte per le opportunità offerte dal Teatro Sociale, al momento non vincolanti in quanto passibili di essere rimodulate o confrontate con altre proposte presentate entro la seconda scadenza. Non disponendo ancora delle date precise – indicativamente i primi di maggio per il concerto nella Stagione Notte, oltre a una data in aprile e altra da definire per la stagione Camera con musica – e non conoscendo i termini entro i quali comunicare al Teatro i progetti, si reputa al momento utile stimolare la presentazione di progetti che abbiano una forte connotazione istituzionale al fine di poterli considerare fra gli eventi che rientrano nel 25° anniversario dell’autonomia del Conservatorio di Como (1996-2021). Per tali proposte si consiglia una preventiva consultazione con la Direzione e la Produzione.

Il Consiglio Accademico valuterà e approverà un numero di proposte in modo compatibile alla disponibilità dei tempi e degli spazi che il Conservatorio riuscirà a offrire sino all’inizio della sessione invernale degli esami; oltre a preferire progetti che possano concretizzarsi nelle diverse forme: in presenza, via streaming o entrambe le modalità in contemporanea. Il Consiglio Accademico si riserva inoltre di valutare ulteriori eventi di particolare rilevanza o necessità didattica.

 

SECONDA FASE (la cui pubblicazione sarà rinnovata in prossimità della scadenza)

La seconda scadenza per la presentazione dei progetti è fissata per il 21 dicembre 2020 e riguarderà queste due categorie:

  • Presentazione di progetti già approvati lo scorso anno che i Dipartimenti reputano tutt’ora di interesse e utilità didattico-artistica. Per ragioni correlate al periodo dovuto all’emergenza sanitaria, la Produzione potrà richiedere eventuali ridimensionamenti della durata del progetto.
  • Presentazione di nuovi progetti le cui caratteristiche, soprattutto per quanto riguarda la durata dei concerti, saranno meglio definiti in seconda pubblicazione.

Il Consiglio Accademico valuterà e approverà un numero di proposte in modo compatibile alla disponibilità dei tempi e degli spazi che il Conservatorio riuscirà a offrire da marzo sino al termine dell’anno accademico. Il Consiglio Accademico si riserva inoltre di valutare ulteriori eventi di particolare rilevanza o necessità didattica durante l’anno accademico.

Non si esclude l’inserimento di una eventuale TERZA FASE in relazione all’andamento della particolare situazione organizzativa dovuta all’emergenza sanitaria ma non solo.

 

PRESENTAZIONE DEI PROGETTI

Sia nella prima che nella seconda fase, tutte le proposte dovranno essere presentate attraverso l’apposito modulo compilabile on-line sul sito del Conservatorio di Como con le seguenti caratteristiche:

  • Unica presentazione, da parte del Coordinatore, del Verbale di Dipartimento firmato. Verbale da cui risultano tutti i progetti – Concerti, Masterclass, Laboratori e Seminari – ordinati in ordine gerarchico (ordine di preferenza del Dipartimento) sottoposti al Consiglio Accademico.
  • Ogni progetto dovrà essere dettagliato in apposita scheda separata.
  • Eventuali proposte interdipartimentali devono apparire all’interno dell’ordine gerarchico del verbale di uno solo dei Dipartimenti coinvolti. Alle rimanenti aree coinvolte viene richiesto un semplice avallo al progetto nel proprio verbale, a margine dell’ordine gerarchico.
  • Le proposte di Materclass, Laboratori e Seminari dovranno essere debitamente argomentate nella loro finalità didattico-artistica, specificando nel dettaglio i Dipartimenti coinvolti, le eventuali figure interne partecipanti (docenti e/o studenti) e i costi lordi necessari; a tal fine una scheda allegata alla proposta è necessaria per la valutazione del Consiglio Accademico.

In particolare, per tali determinazioni, il Consiglio Accademico propone di valutare i seguenti argomenti:

  • che il criterio per la scelta dei musicisti per le Masterclass sia quello della «chiara fama» accompagnato dalla possibilità che tali musicisti possano favorire la concretizzazione di eventuali sinergie con altre Istituzioni musicali di prestigio;
  • in alternativa che l’individuazione dei professionisti esterni sia motivata, attraverso apposite argomentazioni, evidenziando le caratteristiche di competenza che giustifichino la scelta in relazione al programma della Masterclass proposta; approvato eventualmente il progetto dal CA seguirà apposito provvedimento amministrativo di assunzione di responsabilità di tale scelta;
  • Concerti fino ad un massimo di 2 a firma del docente o dei docenti proponenti;
  • Le proposte che si presentano quali necessari completamenti della offerta formativa non saranno soggette a valutazione del Consiglio Accademico, ma verranno soppesate soltanto per la loro effettiva possibilità di realizzazione nell’ambito del rispetto della normativa dovuta all’emergenza sanitaria.

Altri eventi, oltre quelli già elencati, potranno essere destinati in spazi esterni con cui sono già in atto, o verranno intraprese, collaborazioni con il Conservatorio di Como.

In riferimento alle iniziative a carattere cameristico, prima di essere presentate al Consiglio Accademico, si consiglia di condividerle preventivamente con il Dipartimento di Musica da camera. Tale suggerimento è finalizzato a evitare un sovraccarico di impegni nei confronti di pochi studenti e ad articolare questi progetti in piena compatibilità con le classi del Dipartimento citato.