Il presente regolamento sarà abrogato in data 31/10/2019

Art. 1, Definizioni

  1. Il presente regolamento disciplina il funzionamento dei Corsi pre-accademici del Conservatorio di Como.
  2. Ai sensi del presente regolamento si intende:
    1. per “Corso pre-accademico”: la formazione musicale che precede i corsi accademici di primo livello del Conservatorio di Como, organizzata in periodi di studio e secondo livelli di competenza;
    2. per “Periodo di studio”: ciascuno dei tre periodi nei quali si articolano i corsi pre-accademici;
    3. per “Disciplina”: il singolo ambito di competenza che contribuisce a comporre l’insieme dell’offerta didattica dei corsi pre-accademici;
    4. per “Livello di competenza”: la preparazione raggiunta dallo studente nelle singole discipline in seguito al conseguimento delle Certificazioni di fine corso;
    5. per “Esame d’ammissione”: l’esame finalizzato a valutare l’idoneità del candidato all’accesso ai Corsi pre-accademici;
    6. per “Verifica”: l’esame d’idoneità nella Disciplina principale per l’utile proseguimento degli studi e per la collocazione del livello di competenza. La “Verifica” si svolge nella sessione d’esame estiva al termine del primo anno di frequenza (anno di prova).
    7. per “Idoneità” (Id.): il giudizio positivo di merito, attestato dal docente della Disciplina principale al termine dell’anno accademico, ai fini del passaggio all’anno di corso successivo;
    8. per “Certificazione di fine corso” (Cfc): il documento rilasciato dal Conservatorio quale attestazione dell’esame sostenuto al completamento di ciascuna disciplina curricolare, compresa la Disciplina principale;
    9. per “Certificazione di fine periodo” il documento rilasciato dal Conservatorio quale attestazione, per ciascun periodo, del completamento curricolare degli esami di fine corso.

Art. 2, Finalità

Ai sensi della legge 508/99, del DPR 8 Luglio 2005 n. 212, art. 10, comma 4, lett. g); art. 7 comma 2; art. 12 comma 4, dello Statuto del Conservatorio di Musica “G. Verdi” di Como” (artt. 3 e 9) e del Regolamento didattico del Nuovo Ordinamento (artt. 40 – 42), il Conservatorio di Como istituisce e organizza i Corsi pre-accademici articolati in periodi di studio e livelli di competenza. I livelli di competenza conseguiti al termine del terzo periodo del Conservatorio di Como si intendono adeguati e alternativi al superamento degli Esami di ammissione nel medesimo corso ai Trienni accademici di primo livello, tranne le idoneità linguistiche degli studenti stranieri che sono verificate secondo le norme d’ammissione del Triennio accademico. Il superamento della Certificazione di terzo periodo e la conseguente idoneità non garantisce l’ammissione al Triennio essendo subordinata alla posizione nella graduatoria di merito.

Art. 3, Periodi di studio e aree formative

  1. I Corsi pre-accademici si articolano in tre periodi di studio:
    • primo periodo: della durata di 3 anni
    • secondo periodo: della durata di 2 anni
    • terzo periodo: della durata di 3 anni
  2. Le discipline previste afferiscono, per ciascun periodo di studio, a due aree formative:
  1. Discipline di base
  2. Disciplina principale
  1. Le discipline prevedono diverse tipologie di lezione: individuale, di gruppo, collettiva, laboratori.
  2. L’obbligo di frequenza è definito, per ciascuna disciplina, nella misura di due terzi delle ore formative programmate, salvo specifiche disposizioni determinate dalle strutture didattiche interessate.

Art. 4, Ammissione

  1. L’accesso ai Corsi pre-accademici del Conservatorio di Como è consentito esclusivamente attraverso il superamento di una prova d’idoneità e l’utile collocamento nella relativa graduatoria d’ammissione.
  2. La domanda di ammissione ai Corsi pre-accademici deve essere presentata entro termini e secondo modalità stabilite di anno in anno dal Consiglio accademico; il calendario e le modalità di svolgimento degli esami di ammissione vengono disposti dal Direttore sulla base della programmazione del Consiglio accademico e pubblicato secondo le modalità previste dalle norme vigenti.
  3. Ammissione ai corsi strumentali: prova d’idoneità nella Disciplina principale, programma libero, dipendente dalla preparazione tecnico/musicale del candidato (cfr. i Programmi d’esame divisi per ciascun periodo).
  4. Ammissione a Canto: l’accesso alla prova d’idoneità (secondo periodo) è subordinato al possesso di una certificazione di fine corso di Primo periodo in uno strumento polifonico, o competenza equivalente (*).
  5. Ammissione a Composizione: l’accesso alla prova d’idoneità (secondo periodo) è subordinato al possesso di una certificazione di fine corso di Primo periodo in uno strumento polifonico, o competenza equivalente (*).
  6. Ammissione a Direzione di coro: l’accesso alla prova d’idoneità (secondo periodo) è subordinato al possesso di una certificazione di fine corso di Primo periodo in uno strumento polifonico, o competenza equivalente (*).
  7. Ammissione a Musica elettronica: l’accesso alla prova d’idoneità (terzo periodo) è subordinato al possesso di una certificazione di fine corso di Primo periodo in uno strumento polifonico, o competenza equivalente (*).
  8. Corsi pre-accademici in Jazz: l’accesso alla prova d’idoneità (terzo periodo) in
    basso elettrico
    batteria e percussioni jazz
    canto jazz
    chitarra jazz
    contrabbasso jazz
    pianoforte jazz
    saxofono jazz
    tromba jazz
    trombone jazz
    è subordinato al possesso di una certificazione di fine corso di Secondo periodo, o competenza equivalente (*).
  9. L’idoneità è conseguita con un punteggio minimo complessivo di 60 punti su 100.

(*) Nel caso siano riscontrate carenze tecnico-musicali non pregiudizievoli alla verifica di competenza (strumento polifonico, fine primo o secondo periodo), lo studente avrà l’obbligo di frequentare un corso di recupero e, qualora sciolta la riserva dell’anno di prova, di superare il relativo esame entro il terzo semestre.

Art. 5, Anno di prova e verifica d’idoneità

  1. Lo studente al primo anno di frequenza è ammesso al Conservatorio sub condicione per un periodo di un anno scolastico (novembre-giugno), denominato “anno di prova”.
  2. Al termine dell’anno di prova lo studente sostiene un esame nella disciplina principale, per la valutazione al proseguimento degli studi e per la collocazione del livello di competenza.
  3. La verifica d’idoneità si svolge unicamente nella sessione d’esame estiva.
  4. Lo studente non idoneo è dichiarato dimesso dal Conservatorio.

La ripetizione dell’anno di prova non è ammessa.

Art. 6, Certificazione di fine corso

  1. Ciascuna disciplina – principale o di base – si conclude con un esame per il conseguimento della Certificazione di fine corso.
  2. È facoltà degli studenti interni e dei candidati esterni sostenere la Certificazione di fine corso della disciplina principale indipendentemente dal superamento degli esami delle discipline di base.
  3. Il prolungamento della frequenza nella Disciplina principale è consentito nella misura di un anno scolastico per ciascun periodo.
  4. È consentita l’abbreviazione del corso di studio (periodi e/o anni) per merito, su proposta del docente della Disciplina principale.
  5. È demandato alle strutture didattiche competenti il compito di monitorare – per quanto concerne le discipline di base – la verifica del corretto andamento curricolare.
  6. La Certificazione di fine corso del Terzo periodo nella disciplina principale è corrispondente al relativo esame d’ammissione al Triennio accademico di primo livello. A parità di contenuti, lo studente giunto al termine del percorso pre-accademico nella disciplina principale può optare di sostenere direttamente l’ammissione al Triennio.
  7. Il Conservatorio di Como rilascia Certificazioni di competenza di fine corso recanti: a) la denominazione della disciplina; b) la registrazione della valutazione espressa in decimi con due decimali.
  8. Possono presentare domanda per sostenere l’esame per il conseguimento delle Certificazioni di fine corso anche candidati esterni.
  9. Le Certificazioni di fine corso specificate all’Art. 1, § 2/h si svolgono secondo un calendario annualmente stabilito dal Consiglio accademico di fronte a una Commissione di tre componenti nominata dal Direttore.
  10. Le Idoneità (allievi interni) sono di competenza del docente della specifica disciplina.
  11. Lo svolgimento degli esami per il conseguimento delle Certificazioni di fine corso ha luogo in tre distinte sessioni: estiva (giugno/luglio), autunnale (settembre/ottobre), invernale (febbraio/marzo).

Art. 7 – Certificazione di periodo

La “Certificazione di periodo” (primo, secondo, terzo) è rilasciata dall’Istituzione, previa richiesta dell’interessato, ad avvenuto superamento di tutte le ‘Certificazioni di fine corso’ previste nel proprio iter curricolare.

Art. 8 – Contributi di frequenza e d’esame

I contributi relativi all’iscrizione ai Corsi pre-accademici o alle Certificazioni sono stabiliti annualmente dal Consiglio di Amministrazione.

Art. 9

Per quanto fin qui non esplicitato, si farà riferimento a quanto approvato dal Consiglio accademico, e disposto con nota direttoriale, prima dell’inizio di ogni anno accademico.