home » didattica » docenti » enrico viccardi
enrico viccardi

Enrico Viccardi ENRICO VICCARDI si è diplomato con il massimo dei voti in Organo e composizione organistica al Conservatorio di Piacenza nella classe di Giuseppina Perotti, perfezionandosi poi per due anni con Michael Radulescu alla Hochschule für Musik di Vienna. Ha seguito inoltre numerosi corsi di perfezionamento con qualificati insegnanti quali Emilia Fadini, Colin Tilney, Jean Langlais, Danile Roth e in particolare quelli tenuti da L.F. Tagliavini all'Accademia di Musica Italiana per organo di Pistoia.

L'attività concertistica lo ha portato a suonare in numerosi centri italiani ed all'estero - con un particolare interesse alla valorizzazione del ricco patrimonio di strumenti storici - per rassegne ed associazioni prestigiose, fra le quali Musica e poesia a San Maurizio (Milano), Feste organistiche di Venezia, Accademia di Pistoia (a Colorno), Cattedrale di Cremona, Festival Internazionale di Trento, Settimana Organistica Internazionale di Piacenza, Primo Festival Organistico della Città di Bolzano, La Chaise Dieu, Granada, Festival Internazionale delle Asturie, Barcellona, Festival Internazionale di Lisbona, Città del Vaticano, Malmö, Uttum, Alma-Ata. Ha registrato per la Radio della Svizzera Italiana (RSI) brani di musica italiana barocca sullo storico organo Rejna di Monte Carasso.

Ha collaborato anche come continuista con importanti complessi quali il Coro della Radio della Svizzera Italiana, l'ensemble Vanitas, i Sonatori della Gioiosa Marca, La Camerata del Titano (con la quale ha realizzato in CD come continuista l'opera "Memet" di G. Sammartini) con direttori quali René Clemencic, Diego Fasolis, Giuliano Carmignola.

Ha registrato per l'etichetta "Bottega Discantica" musiche di Petrali sullo storico "Riccardi" (1888) di Casalpusterlengo e un CD sul nuovo organo "Giani" della Basilica di S. Antonino in Piacenza. Recentemente ha invece realizzato un CD sullo storico organo "Bossi Urbani" (1855) di Cavenago d'Adda ed un DVD (per l'etichetta francese Fugatto) interamente dedicato a musiche per organo di J.S. Bach.

Interessato allo studio delle antiche scuole organarie, ha partecipato al censimento degli strumenti storici delle Province di Cremona e Piacenza ed è autore di una monografia sullo storico organo L.Riccardi (1859) di Fombio.

Ha tenuto corsi di perfezionamento in Italia, Spagna, Germania, Svezia e Kazakhstan. Ha recentemente tenuto un seminario per l'Università di Granada ed un suo scritto su J.S.Bach è stato pubblicato dal Bollettino della Real Academia de Bellas Artes della stessa città. È docente ai Corsi d'Organo dell'associazione Marc'Antonio Ingegneri di Cremona e all'Istituto diocesano "San Cristoforo" di Piacenza nonché presidente dell'associazione musicale Accademia Maestro Raro di Casalpusterlengo (LO). È docente di Organo e composizione organistica al Conservatorio "G. Verdi" di Como.


elenco docenti del conservatorio di Como