Masterclass

Il vibrafono fra musica scritta e improvvisazione

Andrea Dulbecco, docente

mercoledì 19 febbraio, ore 10:00
Aula Percussioni

La Masterclass è gratuita per gli studenti del Conservatorio di Como.
Per studenti esterni le quote di partecipazione sono:

Effettivi €50, Uditori €30, se si partecipa fino a 4 ore di Masterclass
Effettivi €70, Uditori €40, se si partecipa all’intera giornata di Masterclass

Iscrizione obbligatoria, sia per gli studenti interni che per gli esterni, da effettuarsi sul sito conservatoriocomo.it entro il 13 febbraio 2020.
Iscrizioni pervenute oltre il termine indicato potranno essere eventualmente accettate, sentito il docente di riferimento.

Programma del corso di vibrafono, marimba,vibrafono jazz ed improvvisazione:

Approccio allo studio dello strumento –  lo studio delle scale e degli arpeggi usando i centri tonali e le progressioni (modulanti, diatoniche, cromatiche) e la loro applicazione  nello studio di qualsiasi altro problema tecnico come: le divaricazioni, il double-sticking, doppie note, accordi ecc.
Utilizzo di criteri improvvisativi e creativi nello studio tecnico.

I metodi comunemente usati – analisi e commenti su alcuni studi tratti da essi, approccio interpretativo e tecniche di studio. Uso corretto del dampening e del pedale. La lettura a prima vista e l’utilizzo di brani composti per altri strumenti.

Un metodo di studio ideale – riscaldamento, durata e organizzazione dello studio, metodi per facilitare la memorizzazione, studiare insieme, l’ascolto.

Gli studi per vibrafono e marimba – analisi e studio di brani tratti dalle raccolte comunemente usate nei conservatori italiani quali: Friedman, Molenhof, Wiener, Musser ecc…

I concerti per vibrafono, marimba ed orchestra –  tecniche di studio ed interpretazione dei concerti maggiormente utilizzati nei conservatori italiani quali: Creston, Milhaud, Hovhannes, Rosauro (vibrafono e marimba), Sejourne, Mayuzumi ecc…

Lo studio dell’improvvisazione – approccio e tecniche di studio, l’improvvisazione aleatoria, l’improvvisazione jazz ed il suo vocabolario. Studio cronologico dell’improvvisazione jazz dal be-bop ai giorni nostri attraverso l’ascolto e l’analisi formale e armonica delle forme maggiormente usate (gli standards, il jazz modale, il free jazz, il jazz contemporaneo). Commenti e approfondimenti sui massimi esponenti della storia del jazz ed analisi di alcune loro composizioni. I grandi vibrafonisti jazz.

Imparare ad armonizzare – primi studi sul voicings, il movimento delle parti, sintetizzare un accordo, le note di alterazione, i rivolti, le sostituzioni e gli accordi di passaggio.

Il solismo – armonizzare un tema, come destreggiarsi fra linee di solo ed accompagnamento e primi studi in proposito.

Comporre un brano – l’improvvisatore ed il compositore, l’idea compositiva ed il suo sviluppo all’interno del pezzo, analisi di alcune composizioni.

La musica da camera – il duo vibrafono e marimba, l’uso della trascrizione a fini didattici o concertistici, l’improvvisazione di gruppo libera o a tema.

foto-dulbecco-2

Curriculum di Andrea Dulbecco

Si è diplomato con il massimo dei voti in strumenti a percussione sotto la
guida di Franco Campioni presso il Conservatorio G. Verdi di Milano, dove
ha anche studiato composizione e conseguito il diploma di pianoforte. Si è
inoltre specializzato in vibrafono con David Friedman. Come solista ha
suonato con l’Orchestra Angelicum di Milano, l’Orchestra del
Conservatorio Superiore di Graz, la R.A.I. di Milano, L’Orchestra
Sinfonica di San Remo e l’Orchestra d’Archi Italiana, i Virtuosi Italiani e la
Novosibirsk Simphony Orchestra. In qualità di camerista si è esibito nelle
più prestigiose società italiane quali la Società del Quartetto e la Società dei
Concerti di Milano, Unione Musicale di Torino, Accademia di Santa
Cecilia, Amici della Musica di Perugia e Firenze, Accademia Chigiana,
Teatro alla Scala ecc…. collaborando con prestigiosi artisti quali A.
Ugorski, M. Brunello, A. Lucchesini, Markus Stockhausen, P. De Maria, E.
Fisk, G. Carmignola, G. Sollima, E. Morricone. Fa parte stabilmente del
gruppo “Sentieri Selvaggi” diretto dal compositore Carlo Boccadoro che gli
ha anche dedicato sue composizioni. Oltre alla carriera di musicista
classico svolge un’intensa attività come vibrafonista Jazz suonando ed
incidendo con numerosi artisti di fama internazionale quali P. Fresu, E.
Rava, D. Moroni, F. Dicastri, G. Trovesi, G. Coscia, M. Negri, G. Gaslini, F. Ambrosetti L.
Schneider, D. Liebman, A. Nussbaum, S. Swallow, Tom Harrell, P. Favre,
D.Friedman, P. McCandless, M. Mainieri, B. Elgart, ed esibendosi in importanti Festival
quali Umbria Jazz e Roccella Jonica. Ha effettuato tournee negli Stati
Uniti, Messico, Africa ed Estremo Oriente. Ha al suo attivo numerose
incisioni discografiche per le etichette Splash, Egea e Abeat, ed ha
inciso in duo con Luca Gusella, per l’etichetta americana
Obliqsound. Recentemente è stato invitato da Piero Angela nella
trasmissione “Super Quark”. E’ docente di strumenti a percussione presso
il Conservatorio G.Verdi di Milano e di vibrafono ed improvvisazione
presso l’Accademia del Suono di Milano.